21 giugno 2017, commemorazione delle vittime civili di guerra e presentazione del progetto Mu.Bat

Il 21 giugno 1943 gli stormi dell’aviazione alleata sganciano su Battipaglia il loro primo terribile carico di bombe, inizia il lungo martirio della nostra città che si concluderà solo a settembre con l’esaurirsi dell’operazione Avalanche.

Qui a Battipaglia abbiamo avuto una Guernica italiana, una città trasformata in pochi secondi in un cumulo di macerie.
Norman Lewis, Naples ‘44

L’Associazione culturale MuBat ha organizzato  per il 2017 una serie di eventi per celebrare l’anniversario dell’operazione Avalanche partendo però dal doveroso ricordo di tutte le vittime civili di Battipaglia durante la seconda guerra mondiale a partire dai caduti del 21 giugno 1943. Il progetto complessivo sarà presentato in serata alla presenza della sindaca Cecilia Francese che raccogliendo l’invito delle associazioni del territorio ha fatto proprio il progetto.

Il ciclo di manifestazioni per la celebrazione dell’Operazione Avalanche è stato reso possibile dalla collaborazione tra Pubblico e privato, in particolare: Amministrazione Comunale di Battipaglia, Associazione Culturale Mubat, Confcommercio, Regesta.exe, Pro Loco Battipaglia, Associazione Tammorrasia, Istituto Gatto, Istituto Ferrari, Albergo Riviera Spineta, Associazione 36 Infanterie Regiment, community artisti coordinati da Maria Rosaria Botta

Programma 21 giugno:

Ore 10.00
Santa Messa in memoria delle vittime dei bombardamenti del ’43.

Ore 10.45
Al termine della funzione seguirà un nuovo corteo fino a piazza della Repubblica ove sarà deposta una corona di alloro.
E’ prevista la partecipazione dell’orchestra dell’Istituto Comprensivo Alfonso Gatto diretta dal maestro Farabella, nonché del coro “Voci Bianche” diretto da Guido Salsano.

Ore 11.30 Esposizione delle opere realizzate degli artisti nell’ambito del progetto “Mubat (Museo di Battipaglia) e rievocazione operazione Avalanche”.
Interverrà la critica d’arte dottoressa Antonella Nigro che presenterà ufficialmente le opere e la collezione d’arte “Operazione Avalanche”, coordinata da Maria Rosaria Botta e creata per l’occasione dagli artisti e da loro donata alla pubblica fruizione

Ore 20.30
Presentazione/spettacolo del progetto “Operazione Avalanche” presso il Santuario della chiesa Santa Maria della Speranza.

Interventi:
Eduardo Mattia Cafaro, presidente dell’associazione culturale Mubat. “Presentazione del progetto”.
Massimo Sorvillo, presidente ConfCommercio. “Saluto, la cultura e la promozione del territorio”.
Architetto Lino Nicolino, storico dell’operazione Avalanche. “La scelta di Salerno, il ruolo dell’aviazione e la centralità di Battipaglia”.
Stefania Alfinito, coordinatrice progetto nell’Istituto Comprensivo Alfonso Gatto. “La storia raccontata ai ragazzi e dai ragazzi”.
Carlo Bruno, ideatore progetto. “La memoria come patrimonio collettivo nell’era digitale della condivisione”

Partecipazioni artistiche:
Corale Mutterle diretta dal Maestro Guglielmo Francese
Vincenzo Farabella, piano
Enzo Fauci
Sara Vicinanza, soprano

Anteprima del libro “Un soldato ribelle” di Carmine Colucci

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *